Get Adobe Flash player

Ringraziamenti elezioni federali 2015

Elezioni: un punto di partenza e non un traguardo

Questi ultimi fine settimana sono stati caratterizzati da elezioni su vari livelli. Mentre il 18 ottobre si eleggeva il Parlamento federale, domenica 25 ottobre è stata la volta delle elezioni comunali a Brusio.

L’UDC Valposchiavo ringrazia di cuore chi si è recato alle urne. In modo particolare ringraziamo le numerose persone che hanno sostenuto i nostri candidati. Un certo rammarico lo esprimiamo per il fatto che la partecipazione alle urne è di nuovo diminuita: il nostro partito difende strenuamente la democrazia diretta svizzera, basata su ampi diritti del cittadino. Veder diminuire la partecipazione al voto in ogni tornata elettorale rende sempre più difficoltoso difendere il nostro sistema democratico. Un appello quindi a tutti i cittadini affinché non rinuncino a un diritto che molti ci invidiano.

Nelle elezioni federali del 18 ottobre l’UDC ha raggiunto un risultato incredibile e ben oltre le più rosee aspettative. L’UDC Grigioni potrà contare su due rappresentanti nel Consiglio nazionale e si è di nuovo dimostrato come il partito più votato nel Cantone. Questo nonostante gli altri partiti, con l’ausilio delle congiunzioni di liste, abbiano fatto di tutto per evitare il raddoppio della rappresentanza UDC. Anche a livello valligiano l’UDC risulta essere il primo partito. Molta la nostra soddisfazione per il risultato raggiunto dal nostro candidato e cofondatore Livio Zanolari, che si è aggiudicato il 4° posto assoluto su venti candidati UDC, nonché risulta essere, su tutti i candidati di tutti i partiti, il più votato a livello valligiano.

Nei giorni seguenti l’elezione abbiamo dovuto prendere conoscenza di numerose prese di posizione sui giornali nazionali ma anche locali. Secondo alcuni il successo dell’UDC è dovuto solo alla “paura” che l’UDC ha indotto sui cittadini. Per altri, è solo una questione di fondi disponibili per le elezioni. Per altri ancora è difficile comprendere che la figlia di Christoph Blocher possa rappresentare il Cantone dei Grigioni, nonostante essa abbia raggiunto il terzo posto fra i Consiglieri eletti.

Se l’UDC ha raggiunto questo risultato da record è solo per un motivo: da decenni l’UDC è coerente nella sua politica nei confronti dell’Unione Europea e nella politica dell’immigrazione. Ora, il destino ha voluto che proprio questi temi siano di estrema attualità. Un’ Europa mai così disunita e in difficoltà e l’immigrazione fuori controllo (non certo per colpa dell’UDC ma piuttosto di una politica europea miope che ne è stata addirittura la causa scatenante tramite i suoi interventi militari nel nord Africa), hanno contribuito a premiare l’UDC. Gli esiti delle urne, come sempre, vanno accettati. I giudizi sul lavoro svolto dalle nuove Camere federali andranno valutati a fine legislatura, non certo all’inizio.

Quindi, rispondendo ai critici “tuttologi” potremmo dire che l’UDC non coltiva fantasie drammatiche, ma bensì la situazione politica europea attuale preoccupa realmente la popolazione. L’ostruzionismo con cui i partiti di centro sinistra hanno affrontato certi temi (vedi applicazione dell’iniziativa sull’espulsione dei criminali stranieri, l’applicazione dell’iniziativa sull’immigrazione di massa) non ha fatto altro che alimentare ulteriormente il bacino elettorale UDC. Fra l’altro spesso si dimentica che l’UDC ha un programma politico vasto su tutti i temi importanti. Chi scredita l’UDC non ha mai voluto costatare che i temi trattati sono diversi e vanno ben oltre la pochezza da loro descritta. L’UDC non ha vinto grazie ai soldi investiti nella campagna elettorale ma per la validità dei temi portati in discussione personalmente dai candidati in tutti gli angoli del Cantone (fra l’altro in valle e in molte regioni non era certo il logo UDC a farla da padrone lungo le strade). Per quanto riguarda l’elezione di Magdalena Martullo-Blocher, lasciamole ora quattro anni per dimostrare le sue capacità, che se saranno paragonabili alle sue qualità manageriali, saranno sicuramente interessanti anche e soprattutto per il Cantone dei Grigioni. Chi attacca la neoeletta Consigliera Nazionale lo fa unicamente per il suo domicilio e non valuta in alcun modo gli altri elementi.

Le urne hanno emesso il risultato. I nostri auguri a tutti gli eletti di tutti i partiti. Ora si parte (non si arriva) e fra quattro anni tireremo le somme. I “perdenti” per ora dovranno farsene una ragione.

Per quanto riguarda le elezioni comunali a Brusio del 25 ottobre 2015, siamo orgogliosi e soddisfatti che i nostri otto candidati siano tutti stati eletti. Questa è un’attestazione di stima che accogliamo con grande piacere. Un grazie di cuore ovviamente alla popolazione del Comune di Brusio che ha sostenuto i nostri candidati per i vari consessi comunali. I nostri eletti s’impegneranno a fondo e investiranno le loro energie per un Comune di Brusio forte e all’avanguardia.

UDC Valposchiavo